Vino Mamertino Vino Faro Vino Malvasia Vai alla pagina iniziale Strade del Vino della Sicilia Zona della coltivazione del MAMERTINO Zona della coltivazione della MALVASIA Zona della coltivazione del FARO Vino Mamertino Vino Faro Vino Malvasia Vai alla pagina iniziale Assessorato Provinciale Agricoltura Zona della coltivazione del MAMERTINO Zona della coltivazione della MALVASIA Zona della coltivazione del FARO Strada del Vino Alcamo Doc Strada del Vino Erice Doc Strada del Vino Marsala Strada del Vino Val di Mazara Strada del Vino Terre Sicane Strada del Vino dell'Etna Strada del Vino Alcamo Doc Strada del Vino Erice Doc Strada del Vino Cerasuolo di Vittoria strada del Vino Val di Noto Strada del Vino Monreale Doc Strada del Vino dei Castelli Nisseni Strada sul Percorso della Targa Florio


Comune di ROCCALUMERA
(www.comune.roccalumera.me.it)

Il nome del Paese deriva dalle numerose miniere di allume presenti nel suo territorio e dal nome del fondatore; fu fondata nel XVII secolo e concessa ai feudatari Rocca per sfruttare le cave di allume, un solfato di alluminio e potassio utile come colorante e in medicina.




DA VEDERE….
Etimologicamente Roccalumera deriva dal cognome della famiglia La Rocca e dal nome della contrada “Lumera” o “Alumera”, cosiddetta per la vicinanza delle miniere di Allume.
Paolo La Rocca, cavaliere di S. Giacomo della Spada, sposò, sul finire del ‘500, Caterina Settimo Paruta, da cui ebbe un figlio, Giovanni, che a sua volta sposò Isabella Lanza Abbate, vedova di Antonio Colonna Romano, barone di Fiumedinisi.
Isabella ereditò dal marito defunto, come feudo, il bosco di S. Michele, un tempo territorio di Fiumedinisi, portandolo in dote al marito. Fu dunque per effetto di questo matrimonio che il La Rocca riunendo i due territori limitrofi. Dette origine alla terra di Roccalumera.
Il nucleo originario del paese divenne il borgo di San Michele, già abitato nel corso del XIII secolo, epoca a cui risale l’omonima chiesetta. Roccalumera, durante il feudalesimo, fu sotto il dominio di vari feudatari: La Rocca, Ardoino e infine Stagno. Dopo la costruzione dell’Universitas, a “Roccae Alumarie”, comprendente l’odierna Nizza di Sicilia, fu concesso il titolo di Marchesato.
Successivamente nel 1816, come gran parte delle Ex Universitae baronali di Sicilia, divenne comune autonomo con l’attuale denominazione.

Festival Internazione del Folclore
Giunto ormai alla 11° edizione il Festival rappresenta sicuramente il fiore all’occhiello degli eventi che si volgono a Roccalumera. Partecipano gruppi di artisti, che eseguono folclore, provenienti da tutto il mondo: ciò rappresenta un momento sociale e culturale molto importante e Roccalumera diventa luogo di incontro per genti con culture e civiltà diverse all’insegna della fratellanza che supera qualsiasi barriera politica e culturale.


Sagra del Verdello
Premio Nazionale “La Zagara d’oro”

Anche questo avvenimento riveste notevole importanza per il ritorno d’immagine rappresentato dalla conoscenza e diffusione di un prodotto tipico locale, il limone “verdello”, che è una produzione esclusiva di Roccalumera e che si ottiene mediante un procedimento particolare.
Nell’ambito della manifestazione, giunta alla 13° edizione, sarà tenuto un convegno sul verdello come valorizzazione del patrimonio agricolo–culturale e la consegna del 11° premio nazionale “La zagara d’oro” ad un personaggio che si è contraddistinto in campo nazionale.


Estemporanea di pittura e scultura di artisti contemporanei
Questa manifestazione rappresenta senz’altro un momento culturale di grande spessore in quanto mette in risalto talenti di artisti della zona che si cimentano in opere di notevole valore artistico.


Trekking intercomunale dell’amicizia
Equiraduno della Riviera Jonica.

Si tratta di una manifestazione che coniuga le bellezze paesaggistiche della nostra zona con lo sport equestre ed in particolare con il trekking di campagna. La manifestazione è ormai giunta alla 3° edizione e riveste importanza di carattere regionale perché coinvolge le maggiori associazioni equestri del settore siciliane. Si svolge nell’arco di tre giornate ed offre agli oltre 100 partecipanti l’opportunità di conoscere la riviera jonica percorrendo dei tragitti che valorizzano i tanti beni culturali che si trovano nel nostro territorio.

I soci che vogliono apportare delle loro informazioni o modifiche su questo sito possono rivolgersi direttamente al:
WebMaster Franco Prestigiacomo ( francoprestigiacomo@tin.it )
 Strada del Vino della Provincia di Messina
Via Acqueviole Pl. Salamone - Business center c/o CIA - 98057 MILAZZO (ME)
 
tel. 090 9221555
www.stradadelvinomessina.it
       info@stradadelvinomessina.it
Profilo Facebook di Strada del Vino    4 Secoli con Beato Antonio Franco Anniversario