Vino Mamertino Vino Faro Vino Malvasia Vai alla pagina iniziale Strade del Vino della Sicilia Zona della coltivazione del MAMERTINO Zona della coltivazione della MALVASIA Zona della coltivazione del FARO Vino Mamertino Vino Faro Vino Malvasia Vai alla pagina iniziale Assessorato Provinciale Agricoltura Zona della coltivazione del MAMERTINO Zona della coltivazione della MALVASIA Zona della coltivazione del FARO Strada del Vino Alcamo Doc Strada del Vino Erice Doc Strada del Vino Marsala Strada del Vino Val di Mazara Strada del Vino Terre Sicane Strada del Vino dell'Etna Strada del Vino Alcamo Doc Strada del Vino Erice Doc Strada del Vino Cerasuolo di Vittoria strada del Vino Val di Noto Strada del Vino Monreale Doc Strada del Vino dei Castelli Nisseni Strada sul Percorso della Targa Florio


Comune di
RODI' MILICI
(www.rodimilici.sicilia.it/)

Versione tedesca versione tedesca



Rodì Milici sembra abbia preso il suo nome dai coloni rodii che furono inviati a coltivare quel territorio dai Cavalieri di San Giovanni Gerosolomitano, che dimoravano in Rodi e che possedevano il territorio di Milici.
Tra i tanti cerimoniali che allietano la provincia di Messina sicuramente riveste particolare interesse quello che i Mesi dell'Anno di Rodì, un cosiddetto carnevale strutturato che prevede, cioè, una ben determinata e non modificabile forma rappresentativa.

 

 

 

 

 

 

 

 

Lo spettacolo fu introdotto in paese dal poeta Don Peppe nel 1880, sul modello di un'analoga funzione che si svolgeva nella provincia di Catania.

DA VEDERE….
I primi insediamenti umani nel territorio di Rodì Milici, risalgono alla preistoria, come testimonia la ne cropoli scoperta nel 1951. Si tratta in particolare di alcune decine di tombe dell’età del bronzo e di età preistorica. Inoltre, su questo monte, alcuni scavi hanno portato alla luce parte di una fattoria ellenistica del 300 a.c. utilizzata come frantoio e/o come mulino. Sul monte Ciappa, invece, esistono resti di Longane, antica città distrutta intorno al 492 a.c., di cui restano monumenti e reperti, quali: il Fortilizio, del XIII secolo a.c., secondo molti studiosi il più antico costruito in Sicilia; la Cinta di fortificazioni, di cui oggi sopravvivono i resti; i ruderi di un fabbricato del VI secolo a.c. In contrada Coppola, grazie ad una campagna di scavi, al di sotto della cupola rosata della medievale Chiesa di S. Bartolomeo, sono emerse stratificazioni architettoniche forse risalenti al periodo normanno, che testimoniano della Rodì Medievale e rinascimentale.
Testimonianza dell’egemonia dell’Ordine dei Cavalieri di S. Giovanni Gerosolimitano è il Palazzo dei Cavalieri di Malta, mentre a testimoniare la presenza della sezione della scuola poetica Siciliana è l’Arco del Poeta, costruito con blocchi di pietre, con al centro scolpita una maschera.
Da ricordare: la Chiesa di S. Maria delle Grazie e S.Giovanni Battista, del XII secolo, custode della Statua della Madonna dell’alloro della scuola del Gagini; la Chiesa di San Rocco del XVII secolo; la Chiesa di S. Bartolomeo (XVI secolo), che custodisce la Statua di S. Bartolomeo Apostolo, opera di Andrea Calamech; la Chiesa di S.Filippo d’Agira; la Chiesa dell’Idria, divenuta dopo di Maria S.S. Immacolata; il Palazzo Colloca del XVIII secolo; la “Torre del Kaid” fu residenza di un condottiero arabo.
Molto interessante è al Galleria d’Arte Contemporanea

FESTE E TRADIZIONI...
La festa senza dubbio, più interessante e singolare di Rodì Milici, è quella che si svolge in occasione del Carnevale ormai da più di un secolo, denominata “I Misi ill’Annu”. È una vera e propria rappresentazione, che propone in dialetto agro-pastorale, una sorta di personificazione dei dodici mesi dell’anno, in chiave satirico-umoristica.
Da ricordare poi:
- S. Antonio Abate, il 17 gennaio, è l’occasione per la danza dei “bbabbadduti”, un gruppo di ragazzi che girano per le vie del comune gridando “Viva S. Antonio”;
- S. Biagio, detto “San Brasi”, protettore degli animali e della gola, il 3 febbraio;
- Madonna dell’alloro, a Milici, il lunedì di Pasqua;
- la festa della Santa Croce, il 3 maggio a Rodì;
- San Filippo d’Agira-Compatrono, a Rodì il12 maggio;
- San Giovanni Battista, il 24 giugno, a Milici;
- la festa dell’Immacolata Concezione, la prima domenica di agosto;
- la festa in onore del patrono S. Rocco, il 15 agosto a Milici;
- San Bartolomeo, il 24 agosto a Rodì;
- la festa di Maria S.S. di Lourdes, la prima domenica di settembre;

TIPICITA’ GASTRONOMICHE...
Si produce ottima farina di grano duro, utilizzata per la pianificazione e per fare ottima pasta, come i maccheroni; nelle macellerie locali oltre alla carne, si possono trovare anche salumi, provole, formaggio pecorino e pancette di maiale, di esclusiva produzione locale. Inoltre, soprattutto a Natale si prepara il cosiddetto riso nero, mentre per S.Giuseppe si fanno le “crespelle” o “sfingi”.

I soci che vogliono apportare delle loro informazioni o modifiche su questo sito possono rivolgersi direttamente al:
WebMaster Franco Prestigiacomo ( francoprestigiacomo@tin.it )
 Strada del Vino della Provincia di Messina
Via Acqueviole Pl. Salamone - Business center c/o CIA - 98057 MILAZZO (ME)
 
tel. 090 9221555
www.stradadelvinomessina.it
       info@stradadelvinomessina.it
Profilo Facebook di Strada del Vino    4 Secoli con Beato Antonio Franco Anniversario