Vino Mamertino Vino Faro Vino Malvasia Vai alla pagina iniziale Strade del Vino della Sicilia Zona della coltivazione del MAMERTINO Zona della coltivazione della MALVASIA Zona della coltivazione del FARO Vino Mamertino Vino Faro Vino Malvasia Vai alla pagina iniziale Assessorato Provinciale Agricoltura Zona della coltivazione del MAMERTINO Zona della coltivazione della MALVASIA Zona della coltivazione del FARO Strada del Vino Alcamo Doc Strada del Vino Erice Doc Strada del Vino Marsala Strada del Vino Val di Mazara Strada del Vino Terre Sicane Strada del Vino dell'Etna Strada del Vino Alcamo Doc Strada del Vino Erice Doc Strada del Vino Cerasuolo di Vittoria strada del Vino Val di Noto Strada del Vino Monreale Doc Strada del Vino dei Castelli Nisseni Strada sul Percorso della Targa Florio


Comune di TRIPI
(www.comune.tripi.me.it)

Versione tedesca versione tedesca


Piantato su un caratteristico colle, a pochissimi chilometri dalla costa Tirrenica, sorge l’abitato di Tripi, uno dei più antichi e suggestivi borghi dell’area nebroidea, centro tranquillo e appartato, ricco di storia e tradizioni.








 

DA VEDERE….
Il paese è circondato da monti maestosi, mentre dall’alto del colle che sovrasta l’abitato, si trovano i ruderi di
un emblema rimasto immutato nei tempi, l’antichissimo castello, da cui si può ammirare un maestoso e suggestivo paesaggio. Sulle sue origini non si hanno notizie, o sono incerte. Si sa di certo che nella prima metà del 1300 si sono svolte delle azioni militari per il suo possesso e vi soggiornarono, l’ammiraglio Ruggero di Lauria, il re Federico II ed altri personaggi di alto rango fino alla seconda metà del XVII secolo. Ma, punto di forza del città di Tripi è l’antichissima necropoli di Abacena, nata Abakainon. L’anno di fondazione di Abacena non si conosce con esattezza anche se, alcuni studiosi, la fanno risalire al 1.100 a.C.
Di Abacena rimangono mura, monete d’argento e di bronzo, anfore, resti di abitazioni ellenistiche e romane, tombe, terracotte, armi ed altri oggetti, che testimoniano l’alto grado di civiltà raggiunto dagli Abacenesi quattro-cinque secoli a.C.

FESTE E TRADIZIONI...
- Santo Protettore della città S. Vincenzo Martire di Spagna, la cui ricorrenza è il 22 Gennaio, ma per antica tradizione si festeggia solennemente la prima domenica di settembre.
- la sagra dell’olio, pane caldo condito con olio di olive di produzione locale e vino;
- la sagra della ricotta infornata, ricotta prodotta da allevatori della zona, cotta nel forno a legna, accompagnata da pane casereccio di grano e vino locale;

- la sagra della "cuddura", biscotti tipici locali di pastafrolla accompagnati dal vino.


TIPICITA’ GASTRONOMICHE...

La produzione tipica si basa sulla tradizionale attività di trasformazione del latte in ricotta, da gustare ancora calda, oppure da grattugiare sui maccheroni fatti in casa; da assaggiare le provole, la "tuma" e il pecorino, lavorati con metodi tradizionali, come quelli di un tempo. I dolci tipici del paese, sono le"cuddure", biscotti di morbida pastafrolla di varie forme; la ricetta si tramanda di generazione in generazione.

I soci che vogliono apportare delle loro informazioni o modifiche su questo sito possono rivolgersi direttamente al:
WebMaster Franco Prestigiacomo ( francoprestigiacomo@tin.it )
 Strada del Vino della Provincia di Messina
Via Acqueviole Pl. Salamone - Business center c/o CIA - 98057 MILAZZO (ME)
 
tel. 090 9221555
www.stradadelvinomessina.it
       info@stradadelvinomessina.it
Profilo Facebook di Strada del Vino    4 Secoli con Beato Antonio Franco Anniversario